Spedizione scientifica Avulit 2023

89

Dal 31 Marzo al 7 Aprile si è svolta la spedizione scientifica Avulit 2023 (Albania). Una
spedizione diversa dalle solite, con lo scopo primario di fare ricerche e campionamenti
scientifici, limitando l’esplorazione al minimo necessario: lo sviluppo totale del complesso
resta quindi sostanzialmente invariato. Eppure questa spedizione nell’articolata grotta di
Avulit, un -480 presso il villaggio di Kabash, ha regalato molte soddisfazioni a tutti i
ricercatori e speleo coinvolti.

Il paesaggio nei pressi dell'ingresso
Il paesaggio nei pressi dell’ingresso di Shpella Avulit (foto O. Lacarbonara)

La grotta, di chiara natura ipogenica-sulfurea, si apre con un maestoso P40 che permette
l’accesso ad una serie di pozzi e grosse sale che conducono, con una progressione
agevole, alle gallerie più profonde, oggetto principale delle indagini. Le ricerche, di tipo
multidisciplinare, hanno coinvolto tutti gli speleo che si sono alternati in grotta facendo
campo base alla profondità di circa -400 metri.

Pozzo d'ingresso
Il pozzo d’accesso a Shpella Avulit profondo 40 metri (foto O. Lacarbonara)

Lungo la discesa sono state eseguite misurazioni di temperatura e portata dei volumi d’aria
per poter ricostruire il profilo termico verticale della grotta. Tale profilo evidenzia che la grotta registra una temperatura che va dai 15°C dalla base del primo pozzo fino a circa 18°C al raggiungimento del Campo Interno a -400 m con una variazione abbastanza omogenea.

misurazione temperatura
Misurazione della temperatura all’interno della grotta e rilievo delle sezioni delle gallerie (foto O. Lacarbonara)

Nelle gallerie che vanno dal Campo alle parti più profonde, influenzate dalle acque sulfuree,
la temperatura sale velocemente fino a raggiungere valori compresi tra i 20 e i 22° C
(l’acqua aveva una temperatura di 23.6 °C). Sempre lungo tutta la verticale della grotta sono stati eseguiti oculati campionamenti geologici e mineralogici (di roccia e di depositi
secondari) per poter eseguire studi più approfonditi in laboratorio, data la particolare natura della grotta.

Indagine geologica
Indagine di campioni geologici all’interno di Shpella Avulit (foto O. Lacarbonara)

I livelli orizzontali e profondi della grotta sono stati accuratamente indagati dal punto di vista geologico-strutturale per poter essere comparati con la situazione geologica dell’area. Sono state registrate inoltre le quote di questi livelli in modo da essere messe in relazione con quelle dei terrazzi fluviali ben visibili nella valle del fiume Holtas, che accoglie nell’alveo numerose polle di acqua sulfurea.

Lago sulfureo
Lago sulfureo nei rami profondi della grotta a circa 480 metri di profondità (foto O. Lacarbonara)

I biospeleologi Teo Delić, Aja Zamolo, Maria Grazia Mastronardi e Andrea Seviroli hanno
inoltre continuato il campionamento della vita profonda, estremamente ricca nella parte
attiva della grotta grazie alla presenza di numerose colonie batteriche che stanno alla base
della catena alimentare. Un lago infatti si è aperto ai nostri occhi con centinaia, se non
migliaia, di Niphargus che pasturavano all’interno di queste acque, e sulle cui rive sono stati trovati coleotteri, collemboli, scolopendre, pseudoscorpioni e ragni. Anche i chirotteri erano abbondanti durante le ore del risveglio, indicando che molto probabilmente esiste un
ingresso basso che permette loro un agevole accesso alle zone profonde (questo ipotesi
sembra essere confermata anche dalla circolazione dell’aria abbastanza complessa).

Esemplare biospeleo
Esemplare di scolopendra trovato all’interno di Shpella Avulit (foto O. Lacarbonara)

L’ultimo giorno è stato invece dedicato ai campionamenti microbiologici per conoscere la
natura delle colonie batteriche quali filamenti bianchi nelle acque e le biovermicolazioni,
ambedue ben note da altre grotte sulfuree, ma anche di particolari biofilm blu e verdi,
microorganismi, tutti questi, che hanno avuto sicuramente parte molto attiva nella riduzione e/o ossidazione delle zolfo che hanno contribuito alla speleogenesi della grotta e nella formazione dei minerali secondari, quali per esempio il gesso ed altri solfati.

Prelievo microbio
Indagine e prelievo materiale microbiologico nei rami profondi di Shpella Avulit (foto O. Lacarbonara)

Tutto il lavoro è stato accuratamente documentato con fotografie e video, riprese dall’occhio esperto di Orlando Lacarbonara coadiuvato dall’instancabile Donatella Leserri, che si sono dedicati ogni giorno ad un gruppo di lavoro differente. Instancabili anche Luca Grillandi e Linda Lambertucci che sono stati i nostri Caronte, in quanto profondi conoscitori dei luoghi.

gallerie
Le gallerie che conducono ai rami profondi a circa 430 metri di profondità (foto O. Lacarbonara)

Tutto il materiale raccolto sarà riunito in pubblicazioni scientifiche per poter aggiungere
ancora un tassello alla conoscenza del mondo nascosto dell’Albania, che negli ultimi anni
sta diventando sempre più oggetto di ricerche avanzate. I dati saranno pienamente condivisi con l’università di Tirana e le istituzioni locali con i quali erano stati preventivamente presi contatti prima della partenza.

Pozzo d'ingresso
Il pozzo d’ingresso di Shpella Avulit (foto O. Lacarbonara)

Ultima cosa, ma non meno importante, si è cercato di avere il minor impatto possibile sulla grotta cercando di muoversi in percorsi già tracciati dai precedenti esploratori del Gruppo
Speleologico Faentino e del Gruppo Grotte Ariminum CAI Rimini, che hanno avuto il
privilegio di regalare al mondo questo gioiello speleologico. Inoltre, anche tutti i rifiuti
biologici (e no) degli speleo che hanno campeggiato in grotta sono stati riportati all’esterno: un esempio di come sia possibile, anche in complesse spedizioni come questa, rispettare l’ambiente di grotta e fare Speleologia il più possibile ecosostenibile.

Campo interno
Il campo interno a 400 metri di profondità (foto O. Lacarbonara)

Un sentito ringraziamento va alla famiglia di Nardi, che con instancabile solerzia ha rifocillatoe ospitato in casa propria 13 speleo affamati e puzzolenti.

Partecipanti
Il gruppo di partecipanti alla spedizione Avulit 2023

Partecipanti: Jo De Waele, Luca Pisani (UniBo), Alessandro Marraffa (UniPd e GSM),
Michele Marraffa, Maria Grazia Mastronardi, Donatella Leserri, Orlando Lacarbonara,
Andrea Seviroli (GSM), Claudio Pastore (ISSKA e GSM), Luca Grillandi e Linda Lambertucci
(GSFa), Teo Delić (UniLj) e Aja Zamolo (Center za Kartografijo favne in flore).